Che Pizza sarebbe senza curiosità? A Palermo certo non manca!
Progetto 33 isole : da Ustica a Venezia in barca a vela da solo.
29 marzo 2018
Palermo città della Cultura è bellissima, Manifesta 12 è solo l’inizio.
17 giugno 2018
Oggi ci siamo svegliati pensando alla Pizza, ma che parola meravigliosa è Pizza?! Il sapore, la sua storia, l’origine bene o male la conosciamo, quello che oggi ci fa riflettere è la sua evoluzione…

Noi non compriamo mai niente se non ascoltiamo prima il produttore, la sua presentazione del metodo di raccolta del grano o delle caratteristiche del suo lavoro. I nostri mitici Giuseppe, Giulio e Samuele ispezionano la confezione che contiene il prodotto, vogliono conoscere la provenienza di tutto, la tabella nutrizionale, le possibili intolleranze fino alla data di scadenza, anche quello dice molto sulla farina.

Scorciatoie se non sofisticazioni a noi non sono mai piaciute, lievitazione naturale e a lenta maturazione, ergo ingredienti senza compromessi si!

Oggi giorno assistiamo al diffondersi della pizza gourmet, un fenomeno in evoluzione, una ricerca costante di nuove prospettive per una pietanza intramontabile. Più che i  condimenti, l’argomento più chiacchierato dai nostri 3 pizzaioli e dai clienti finali è senza dubbio la tipologia di grano utilizzato per preparare l’impasto, cioè moderno, antico e originario.

Noi per la nostra pizza abbiamo scelto da sempre i grani antichi, una varietà del passato, rimasti autentici e originali, non hanno subito alcuna modificazione da parte dell’uomo per aumentarne la resa, le loro spighe sono alte con sfumature scure e chicchi irregolari.

Non vengono lavorati a livello intensivo, vengono lavorati con la macinazione a pietra. La farina che si produce da questo metodo, potremmo considerarla semi-integrale, ovvero rispetto alle farine 0 o 00 mantengono molto di più le proprietà nutrizionali presenti nel chicco.

I nostri ragazzi amano le novità culinarie, la sperimentazione ha un effetto su di loro irresistibile, a volte naufraga in un mare di delusione, ma la maggior parte il risultato è entusiasmante!  Non sempre la ricetta ” funziona”, può capitare che qualcosa risulti poco accurato, o molto più semplicemente, quello che si prepara non supera la prova gusto.  Ma qualche rischio bisogna correrlo, se no la vita è troppo monotona.

Non è semplice inventare un impasto, provare una nuova ricetta, sfidare se stessi, ma finchè i nostri 3 mitici si chiederanno :  quali sono le differenze tra questi grani? qual’ è il più buono? il più digeribile? ha meno glutine, naturalmente?

A beneficiarne saremo tutti, non solo noi come Sikulo o voi come clienti ma anche agricoltori e ambiente. Niente può evolvere senza curiosità e conoscenza, quindi grazie a Giuseppe, Giulio e Samuele che amano quello che fanno e lo trasmettono con passione a tutti…tenetevi pronti per scoprire le novità estive! Gnam!